crimea

La vita in Crimea 20 mesi dopo la riunificazione con la Russia

Auslander ha fornito a thesaker.is  uno sguardo sulla vita a Sebastopoli. Ha gentilmente accettato e ho ricevuto il suo lavoro questa mattina. L’articolo è stato scritto sotto le difficoltà della mancanza di corrente e di una connessione intermittente a internet. Auslander ha appena pubblicato un libro che è disponibile su Amazon. Come nota a margine, Auslander non può ordinare una copia del suo libro dal suo sito internet in Crimea: sanzioni USA in azione… (altro…)

Approfondisci

header-presentazione

25 GIUGNO 2015: PRESENTAZIONE DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE ‘PIEMONTE RUSSIA’

E’ stata presentata questa mattina a Palazzo Lascaris l’associazione culturale Piemonte Russia, nata sull’onda delle vicine Lombardia Russia e Liguria Russia.

“La missione principale della nostra associazione– spiega in apertura Fabrizio Ricca, portavoce e segretario di Piemonte Russia – è quella di sensibilizzare la popolazione su ciò che è accaduto e sta accadendo in Russia attraverso un’informazione reale, chiara e trasparente”.

“E’ necessario fornire un’informazione che rispecchi la realtà dei fatti – sottolinea Gianluca Savoini, presidente di Lombardia Russia, la prima tra le associazioni costituitesi nelle regioni italiane – e che spieghi che le sanzioni contro la Russia sono una follia, perché non fanno altro che penalizzare le nostre aziende. Dobbiamo tutti tener bene a mente che la Russia ha altri mercati a cui rivolgersi per acquistare, primo fra tutti quello cinese, mentre Europa e, soprattutto, Italia, senza la fetta di esportazioni in Russia, sono i soggetti che ci rimettono di più”.

“Il lavoro delle nostre associazioni – spiega Ubaldo Santi, presidente di Liguria Russia – è orientato a ristabilire buoni rapporti tra la Russia ed il nostro Paese. Ciò a cui vogliamo arrivare è un’azione forte e comune da parte dei governatori regionali, che possa portare all’eliminazione delle sanzioni che stanno depauperando i nostri territori. Il nostro Paese ha bisogno di rilanciarsi, non di cedere a scelte scellerate che lo stanno solo rendendo più povero. E’ ora di usare il buon senso, al di là dei colori politici, per recuperare quella parte di ricchezza che ci è stata tolta”.

“Se chiudiamo le porte alla Russia ora – aggiunge Marco Racca, tesoriere di Piemonte Russia -, tra dieci anni dove saremo? Un legame ad est è indispensabile per il Piemonte, non solo per le esportazioni di prodotti, ma anche per il nostro turismo. I Russi, oggi come oggi, non solo non comprano i prodotti piemontesi, ma non vengono neanche più a sciare sulle nostre montagne – lo dicono i dati sul turismo invernale – e, quindi, non spendono più sul nostro territorio. Si tratta di perdite di migliaia, addirittura milioni di euro. Chi si dice oggi favorevole alle sanzioni alla Russia si rende complice delle perdite che porteranno alla chiusura delle aziende”.

“La nostra associazione – precisa Gianmatteo Ferrari, vicepresidente di Piemonte Russia – si occuperà di fare cultura attraverso l’organizzazione di eventi a cui parteciperanno personaggi di prim’ordine. Il nostro obiettivo è divulgare le notizie che, finora, sono state stravolte o censurate dai media. Ad esempio, pochi oggi sanno che si stima che il costo complessivo che l’Europa si troverà a pagare a causa delle sanzioni inflitte alla Russia sarà di cento miliardi di euro e due milioni di posti di lavoro”.

“La Russia – conclude Matteo Beccuti, presidente della neonata associazione piemontese – è un’opportunità che non possiamo lasciarci sfuggire. Lavoreremo per rinsaldare i rapporti che il governo italiano non si preoccupa di mantenere, ma che sono vitali per la nostra Regione e le nostre aziende. E, contemporaneamente, guarderemo alla Russia anche come ad un esempio da seguire. Mentre nel resto del mondo sembra si concorra a creare una massa anonima senza radici, in Russia il recupero ed il rispetto profondo delle tradizioni porta alla valorizzazione delle diverse comunità che vi convivono”.

Approfondisci

putin

Benvenuto Presidente

Putin sarà a ‪Milano per ‪Expo2015 il prossimo 10 giugno per la festa della ‪Russia.

La visita è stata confermata dal ‪‎Cremlino. Nel pomeriggio si sposterà poi a Roma dove il Presidente incontrerà ‪Papa ‪Francesco e in seguito il Presidente ‪Mattarella.

Approfondisci

header-russia

Dalla parte della Russia

Nel dover commentare in maniera logica e costruttiva questo annoso e drammatico evento geopolitico che coinvolge USA, UE, Ucraina e Russia ci si deve ovviamente basare su articoli, pubblicazioni e dati di fatto veritieri e non lasciarsi ingannare dai falsi e tendenziosi argomenti di parte, proposti al pubblico.

La verità viene travisata e confusa da media, giornalisti corrotti e organizzazioni non ben definite che pongono in primo piano gli effetti di fanatismi totalitari che poco o niente hanno a che vedere con la realtà, verosimilmente per trarne un profitto personale e non per mettere alla luce i fatti, e quindi risolvere drasticamente e definitivamente problemi certo non facili, ma solvibili.

La Russia vuole fare ciò, porre ordine ove disordine regna mentre le nullità europee tentano ferocemente vane e a volte assurde opposizioni, prendendo le parti di minoranze bramose di imporre la loro visione del mondo alla maggioranza della popolazione, siano esse organizzazioni a favore della teoria gender, semplici manifestanti che, come le Femen a Roma o le Pussy Riot a Mosca, offendono i Valori Sacri a cui fanno riferimento miliardi di persone o, in scala più grande, appoggiando un sovvertimento all’ordine democratico in Ucraina solo perchè i rivoltosi erano espressamente ostili alla Russia. (altro…)

Approfondisci

ue_russia

La “lista nera” russa degli indesiderabili, doverosa risposta alla prepotenza occidentale

Cornuti e mazziati.

Ecco come certi geni ipocriti della stampa italiana ed europea vorrebbero i russi. L’unica maniera, secondo loro e soprattutto secondo i loro padroni, per poter andare d’accordo con la Russia.

L’UE sanziona Mosca e minaccia ulteriori rappresaglie commerciali? Non importa, devono ingoiare tutto in silenzio.

Come avrebbero dovuto trangugiare il colpo di stato dello scorso anno a Kiev senza reagire e quindi, conseguentemente, perdere la Crimea e permettere l’occupazione militare del Donbass.

Invece non è andata cosi, perché oggi la Russia è guidata da chi ha la schiena diritta e pensa innanzitutto agli interessi nazionali, non a quelli di lobbies mediatiche potenti che in Occidente stanno rincoglionendo la gente parlando di diritti umani violati e di autoritarismo putiniano. Dove per “diritti umani” si vuole dire esclusivamente manovre pro – gay, immigrazione senza controllo, relativismo religioso, sceneggiate pagliaccesche messe in atto da gentaglia come le Femen, individualismo assoluto.

Mentre dei veri “diritti umani” continuamente violati nell’Ucraina orientale, ancora bombardata dalle forze armate ucraine alla faccia del “cessate il fuoco” ovviamente nessuno parla. (altro…)

Approfondisci